Titolo diario:

    una domenica "feriale"


    Inserito il giorno:

    29-03-2020


    Autore: Giorgia_dittamo07 di Terni - ID: 1396
    Caro diario, 22/03/2020
    volevo raccontarti la mia giornata di domenica, già ti dico che non sarà niente di speciale: si perché quello che sembrava diverso, strano, unico, ormai è diventato la normalità.
    Sto parlando del rimanere a casa per quel problema che sta preoccupando tutti, tutta l’Italia, l’Europa ed ormai anche il mondo: il Coronavirus.
    Tornando alla mia domenica diventata “normale”, mi sono svegliata un po’ più tardi degli altri giorni perché non avevo le lezioni on line.
    Non avrei mai pensato di doverlo dire ma quelle lezioni mi tengono compagnia, mi fanno piacere, le professoresse e i compagni, sono felice quando devo accendere il computer e so di trovare tutti loro dietro allo schermo.
    Ho fatto un po’ di ginnastica con papà addominali e piegamenti, doccia, anzi il bagno perché avevo tanto tempo da perdere.
    Poi ho pranzato: mamma con più tempo ha preparato un pranzo fantastico con la polenta, la carne col sugo, il purè.
    A quel punto mi sono iniziata a preoccupare perché oltre alla tv non sapevo cosa poter fare, invece con Alice, mia sorella, in cameretta al piano di sopra, abbiamo fatto “l’Opificio”. Cioè prima ci siamo vestite bene e poi abbiamo messo la musica alta e ballato. Ci siamo divertite tanto: sapevamo di stare a casa, sapevamo che per il momento tutto il nostro mondo era solo casa nostra, ma ci sentivamo bene.
    Vedevo gli occhi di Alice accendersi, sorridenti, e questo mi rendeva più felice.
    Stanche morte ci siamo buttate sul letto, poi un po’ di tv ma sempre con le stesse brutte notizie.
    Quindi ho chiamato Sofia e le ho raccontato tutto e ci siamo dette che presto faremo l’Opificio insieme con poi un pigiama party.
    Si è fatta ora di cena: è stata più leggera ma buona.
    Poi tutti insieme abbiamo scelto un film su Tim Vision, un film non triste ma divertente, e ce lo siamo visto tutti insieme sul divano.
    Caro diaro, ti potrà sembrare una giornata noiosa, ma io mi sono sentita viva, che per ora va bene.
    Ora ti saluto, sperando presto di poterti raccontare di notizie migliori su questo Coronavirus
    Media dei voti ricevuti: 8.23